Entra nel gruppo facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Vene Varicose: Sintomi, Rimedi Naturali e Medici, Prevenzione delle Varici
Come prevenire le vene varicose alle gambe, quali sono cause e sintomi, le cure più efficaci allo stadio iniziale e avanzato.

venerdì 8 aprile 2016 Aggiornato il:



Le vene varicose, o varici, sono una delle malattie più diffuse nel mondo occidentale: in Italia soffre di vene varicose alle gambe - la forma più diffusa di questa insufficienza venosa cronica - circa il 40% delle donne e il 25% degli uomini, in prevalenza dopo i 50 anni. Precisamente le varici sono dilatazioni delle vene dette scientificamente gavoccioli venosi, in altre parole sono tortuosità del decorso delle vene superficiali dovute alla perdita di funzionalità delle valvole all'interno dei vasi sanguigni: il sangue fa quindi più fatica a tornare verso il cuore (nel sistema circolatorio, nelle vene scorre il sangue che dagli arti e dagli organi ritorna verso il cuore, che lo manda poi verso i polmoni per riossigenarsi).

Cause e sintomi delle vene varicose

Le vene varicose si riconoscono non solo a vista (il termine medico teleangiectasie indica le trame di capillari sulle gambe tipiche di chi soffre di varici) ma anche da specifici sintomi che in estate e col caldo in genere si fanno sentire maggiormente perchè, essendo le vene già poco elastiche, con l'aumento della temperatura si dilatanto.

I sintomi più comuni delle varici sono crampi notturni, pesantezza alle gambe, bruciore e gonfiore a piedi e caviglie, formicolii, ma se la situazione peggiora compaiono eczemi, macchie brune, ipodermiti (arrossamenti cutanei, alle volte anche duri e dolorosi), fino anche a ulcerazioni, tromboflebiti, sanguinamenti.

Ovviamente per una diagnosi delle vene varicose dovete rivolgervi al vostro medico curante, che eventualmente vi indirizzerà verso uno specialista in chirurgia vascolare: all''inizio nessuna operazione ovviamente, se necessario si fa un ecocolordoppler venoso, un esame non invasivo e che dà un quadro preciso e dettagliato del circolo venoso.

La medicina riconosce tra le tipiche cause delle vene varicose stili di vita e abitudini sbagliate come la sedentarietà, l'obesità e comunque il sovrappeso, una dieta scorretta, il vizio del fumo (purtroppo smettere di fumare quando ci sono già le varici non è più sufficiente, anche se ovviamente aiuta), anche lo stare molto in posizione eretta (purtroppo chi svolge attività lavorative che fanno rimanere ore in piedi è più a rischio). Senz'altro c'è una componente genetica, di ereditarietà.
Le donne sono più soggette alle varici rispetto agli uomini e anche la gravidanza può essere causa di vene varicose alle gambe per via della compressione sulle vene iliache causata dal feto, ma anche per le modificazioni ormonali dovute alla gravidanza.

Come prevenire e curare le vene varicose

vene varicose alle gambe, stadio iniziale
Fase iniziale delle varici, quando ancora è possibile
intervenire con creme, gel, rimedi naturali.
Ci sono diverse cure per le vene varicose: trattamenti medici più o meno invasivi, creme e gel, farmaci vasotonici, iniezioni. Ovviamente molto dipende dalla gravità della situazione, se la si prende in tempo, se si correggono le abitudini sbagliate che hanno causato le varici adottando uno stile di vita più sano (una dieta equilibrata e per perdere peso, fare un po' di movimento, massaggi, uso di calze a compressione graduata...).

Ci sono rimedi naturali per prevenire le vene varicose e curarle quando non sono gravi: i medici consigliano apposite creme e gel, acquistabili senza ricetta, che risultano efficaci se usati con costanza e, come detto, fin da subito appena ci si accorge del problema. Tra i prodotti più diffusi a livello internazionale ci sono le creme a base di estratti di edera, castagne, arnica, rosa canina e mirtillo: come altri rimedi naturali, si tratta di fitocomplessi, ovvero insiemi bilanciati di ingredienti che agiscono in sinergia.

Nello specifico, le creme per vene varicose devono agire contro la fragilità capillare rafforzando la struttura delle vene e dei capillari, combattere l'insufficienza circolatoria periferica, ridurre le infiammazioni e la ritenzione idrica. Qui potete trovare maggiori informazioni su Varicastan, la più diffusa crema per vene varicose al mondo, se volete ordinare una o più confezioni con sconto e pagamento alla consegna del prodotto potete contattare l'azienda farmaceutica da questo collegamento ufficiale:

sconti per crema vene varicose

Creme e gel per vene varicose, se usate per tempo, consentono di trattare le varici efficacemente o per lo meno di evitare un peggioramento dell situazione, alleviando i dolori e senso di gonfiore e ripristinando la microcircolazione venosa. In ogni caso è importante abbinare un cambiamento di abitudini e stili di vita come indicato in precedenza.

vene varicose alle gambe, situazione grave
Vene varicose in fase avanzata
Se la situazione non viene presa per tempo, diventa più grave ed il trattamento delle vene varicose delle gambe o di altre parti del corpo più complicato, invasivo e ovviamente più lungo. Riportiamo a titolo informativo le principali terapie mediche, che ovviamente vi possono essere illustrate con precisione da uno specialista:
  • iniezioni sclerosanti: si inietta un liquido che provoca la sclerosi del vaso e la sua successiva chiusura
  • radiofrequenza: si ottiene lo stesso effetto di chiusura permanente della vena varicosa, ma tramite calore (questa e la precedente sono indicate solo per piccoli vasi sanguigni e in zone limitate)
  • intervento chirurgico di safenectomia (asportazione totale della piccola e grande safena, due grosse vene delle gambe) o di flebectomia (per le vene minori): tecnica operatoria ormai sicura ma che comunque va eseguita da medici esperti, il decorso ospedaliero è di circa una settimana
  • trattamento endovascolare con radiofrequenza: tecnica tra le più recenti, si può utilizzare su vene grandi e piccole ma solo dopo accurate analisi; in pratica il medico punge la vena e introduce una sonda che viene fatta avanzare verso il tratto di vaso sanguigno da trattare, dove emette energia sotto forma di calore
  • trattamento endoluminale con sostanze sclerosanti: si inietta una miscela di aria e liquido nel vaso sanguigno da trattare, generando una "schiuma" che sclerotizza (chiude) la vena