Entra nel gruppo facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Fare l'Acqua di Rose in Casa, 2 Metodi per un Prodotto Naturale per Salute e Bellezza

domenica 6 marzo 2016 Aggiornato il:



Come fare l'acqua di rose in casa? In questa guida vedremo due metodi per preparare un tonico all'acqua di rose, un prodotto di bellezza dal costo conveniente, del tutto naturale e che ha così tante virtù da essere conosciuto da secoli e usato per molte cose. Negli ultimi decenni cosmetici, profumi e creme di bellezza "industriali" hanno messo da parte questo che oggi viene considerato tra i "rimedi della nonna", ma come potete leggere qui gli usi dell'acqua di rose come prodotto di bellezza sono tantissimi e in pratica quotidiani: con un solo prodotto potete sostituirne parecchi che comprate al supermercato o in altri negozi e risparmierete parecchi soldi, oltre ad avere uno tra i più efficaci prodotti naturali per corpo, pelle e capelli! Poi volete mettere la soddisfazione di farselo pure da sè?

Come fare l'acqua di rose in casa, metodo 1

Non perdiamo tempo in chiacchiere e illustriamolo punto per punto:
  1. Prendete i petali di 9-10 rose rosse o rosa, avendo cura di togliere le parti biancastre, e un decilitro di acqua distillata (per farne di più raddoppiate o triplicate o... le quantità degli ingredienti)
  2. Mettete i petali di rosa dentro delle garze di cotone, senza romperli nè spezzarli, poi chiudete le garze con uno spago (fate dei fagottini insomma)
  3. Mettete i "fagottini di rose" in un pentolino con l'acqua distillata a temperatura ambiente, da porre sul fuoco a fiamma bassa; una volta raggiunto il punto di ebollizione, spegnete il fuoco e lasciate in immersione per 20 minuti
  4. Togliete i sacchetti dall'acqua e strizzateli bene, poi aggiungete al liquido ottenuto un paio di gocce di olio essenziale di rosa
  5. Una volta raffreddato il tonico all'acqua di rose così ottenuto, filtratelo e mettetelo in una bottiglia di vetro scuro, o avvolto in un panno, precedentemente igienizzata
acqua di rose fatta in casa
Questo tonico all'acqua di rose deve essere conservato in frigorifero e si può utilizzare entro due mesi, mentre il secondo, anch'esso da tenere in frigo, va invece usato entro una settimana perchè non prevede la bollitura. Però potete allungare i tempi di conservazione congelando il tutto: mettete il vostro tonico negli stampi per fare i cubetti di ghiaccio e ponetelo in freezer, quando vi serve ne prendete uno o due e il resto lo lasciate lì ;-) Passiamo ora al secondo metodo.
Leggi anche fare una pulizia del viso con un metodo naturale!

Tonico all'acqua di rose fai da te, metodo 2

  1. Anche in questo caso fate dei fagottini coi petali di rose in garze di cotone e metteteli in un pentolino con l'acqua distillata, però fate in modo che non tocchino il fondo
  2. NON mettete il pentolino sul fuoco ma copritelo con un coperchio e lasciate macerare per una notte a temperatura ambiente
  3. Il mattino dopo -o comunque dopo una dozzina di ore- estraete i sacchetti e strizzateli bene fino all'ultima goccia; aggiungete un paio di gocce di olio essenziale di rose al liquido ottenuto
  4. Lasciate così ancora un'altra notte, sempre con un coperchio
  5. Lasciate senza coperchio per un'ora e filtrate l'acqua di rose (pulite bene il colino che userete, magari con alcol)
  6. Mettete la vostra acqua di rose fatta in casa in una bottiglia di vetro scuro, o avvolto in un panno, precedentemente igienizzata
Un tonico all'acqua di rose per pelli grasse si può fare col secondo metodo ma usando aceto bianco al posto dell'acqua di rose, facendo macerare però per circa due settimane.